mercoledì 27 marzo 2013

AFORISMI DI ROBERTO GERVASO

AFORISMI DI ROBERTO GERVASO TRATTI DA ''IL MESSAGGERO''

- La fiducia in noi stessi nasce anche dalla mancanza di fiducia negli altri
- Se mia moglie, donna astutissima, si occupasse di me come io mi occupo di lei, non si occuperebbe d'altro.
- C'è chi nella vita ha combattuto solo contro la noia.
- Qui giace...: la diede a bere a tutti e morì annegato.
- Il meglio di me lo do sempre per caso.
- Le donne che ho amato si ricordano di me quando nessuno più le ama.
- La luna è romantica; il sole passionale.
-La primavera mi fa rinascere speranze che non si avvereranno mai.
-Il denaro che non si ha è quello meglio speso.
- C'è solo un modo per farsi perdonare la felicità: fingere di soffrire.
- Non si è mai così giusti come vorrebbero gli altri.
- La libertà ce la diamo noi stessi, non gli altri.
- Chi ci dice che chi chiude gli occhi per sempre non sogni per sempre?
- D'incredibile c'è solo la credulità umana.
- L'indifferenza è solo la mancanza di curiosità.
- Niente m'indigna di più dell'indignazione a comando.
- L'inquietudine è il primo passo verso la conoscenza
-Il passato si allunga e il futuro si accorcia. Non mi resta che vivere nel presente.
- Non ho mai scritto un diario perché il passato non voglio ricordarlo, ma immaginarlo.
- Se mi facessero senatore a vita, mi sentirei morire.
- Non vedo l'ora di morire per pronunciare la ultime parole famose.



Nessun commento:

Posta un commento